Blog

Articoli e testimonianze.

Tutto quel che può succedere dentro un ascensore
/ Categorie: Blog

Tutto quel che può succedere dentro un ascensore

Dall'imbarazzo più totale al fuoco della passione fino alle liti furibonde: scene memorabili tra un piano e l'altro

Un sorriso abbozzato, occhi abbassati per l’imbarazzo, una frase di circostanza. Ma anche battute spiritose piuttosto che fulminei litigi. Fino ad amplessi degni del miglior film dalle tinte licenziose e baci appassionati. Dentro un ascensore può succedere tutto questo, e anche di più. Le mitiche scene di quel che capita dentro un ascensore, d’altra parte, sono state immortalate anche nei film più famosi oppure descritte in libri di successo. Certo, nessuno può dimenticare l’esilarante gag interpretata da Zuzzurro che, all’invito “Chiama l’ascensore”, si mette a urlare: “Ascensoreeeeeeeee!”. Gli rispondono: “Non così. Con il dito!”. Zuzzurro si mette quindi il dito in bocca, e stavolta grida: “Ascheeeenshhhhhoreeeeeeee!”.

Mettendo da parte la comicità di una scena del genere, a tutti noi è capitato di vivere momenti sospesi tra l’imbarazzo, la curiosità e il divertimento all’interno di un ascensore. Certo, più stretto è lo spazio a disposizione, più l’imbarazzo aumenta. Non a caso, generalmente i punti più gettonati dell’ascensore sono proprio i lati della cabina, ai quali molti passeggeri paiono letteralmente appiccicarsi pur di non sfiorare nemmeno i compagni di viaggio. Le borse voluminose risultano l’elemento più spinoso per molte persone, che quasi vorrebbero eliminarle pur di non creare disagio agli altri passeggeri. Al contrario, si assiste spesso a scene in cui enormi zaini vengono fatti scivolare giù dalle spalle, trascinando con se oggetti, accessori e pezzi d’abito di chi sta accanto. Con gran disappunto, è naturale, di questi ultimi.

Il sentimento preponderante, durante i viaggi in ascensore, è di solito l’imbarazzo. A partire dagli occhi, che non si sa letteralmente dove volgere. Generalmente lo sguardo viene indirizzato verso un punto “neutro”, che può essere la pulsantiera piuttosto che il dettaglio di un indumento, oppure verso il basso o, ancora, verso la porta. Molto raramente ci si avventura nell’incrociare lo sguardo altrui. Certo, se il tragitto è lungo, gli istanti diventano interminabili. C’è, però, in tutto questo anche modo di valutare la gentilezza e l’educazione di chi sta viaggiando con noi. E, non ultimo, il senso di ironia e autoironia. Spesso, infatti, all’interno di un ascensore possono uscire le battute più impensabili, capaci di far sorridere tutti i passeggeri.

Se tutto quanto descritto finora rientra nell’ambito di un “normale e tranquillo” viaggio in ascensore, non va dimenticato che, all’interno della cabina, può anche letteralmente scoppiare la passione amorosa. Baci infuocati e amplessi da restare senza fiato, per non parlare di scene decisamente erotiche: anche questo, ebbene sì, può capitare dentro un ascensore. Il cinema internazionale, d’altra parte, le ha ben immortalate. A partire dal fuoco della passione che attanaglia, dentro un ascensore, Maverick (Tom Cruise) e Charlie (Kelly McGillis) in Top Gun, piuttosto che Raymond (Dustin Hoffman) e Susanna (Valeria Golino) in Rain Man fino al Dottor Stranamore (Patrick Dempsey) e Meredith Grey (Ellen Pompeo) nella famosissima serie tv Grey's Anatomy. Baci rubati, sguardi accattivanti, scene di passione di coppie ufficiali e ufficiose all’interno di un ascensore. Sul grande schermo in particolare, ma anche in tv, non sono poche le scene d'amore famose che si sono “consumate” proprio dentro un ascensore. Dati statistici alla mano, il colpo di fulmine in un ascensore pare essere un evento più che probabile. Teniamo conto innanzitutto che, mediamente, una persona trascorre più di cinque minuti ogni giorno tra attesa e utilizzo dell’ascensore. Pensiamo, poi, che l’innamoramento scatta con più facilità laddove vi è la stretta vicinanza fisica. Secondo recenti studi scientifici (in particolare, quelli portati avanti dall’antropologa australiana Rebekah Rousi) il tempo necessario per far scattare il famoso colpo di fulmine è pari a un quinto di secondo. Questo significa che, nell’arco di un’intera vita, le probabilità di innamorarci all’interno di un ascensore sono davvero elevatissime.

Non solo amore, però. All’interno di un ascensore possono scoppiare anche furibondi litigi. Ne è un esempio la furiosa lite divampata, alcuni anni fa, fra la sorella minore di Beyoncé, Solange Knowles, e il marito di Beyoncé, ovvero Jay-Z. La sorellina della cantante più ricca al mondo ha preso a borsettate, calci, pugni e schiaffi il marito della sorella in ascensore, menando colpi sul produttore e rapper come un'indemoniata. A testimoniare l'accaduto c'è il video dello scontro, ripreso dalle telecamere di sicurezza dell'hotel che ospitava l'evento benefico glamour 'Met Ball 2014'. Quei tre minuti di intensa e sorprendente tensione tra familiari hanno fatto il giro del Web, col filmato che è diventato virale in breve tempo su blog e social network guadagnandosi milioni di commenti da parte di internauti di tutto il mondo. Il trio entra nell’ascensore insieme a un body-guard, le porte si chiudono e Solange dice qualcosa al cognato, che evidentemente risponde qualcos'altro. A questo punto, l'ex ballerina delle Destiny Child gli si lancia contro con veemenza: Jay-z non reagisce alla sfuriata della cognata e il bodyguard cerca di separarli. Ma la furia della giovane è così forte che la stessa guardia del corpo, un energumeno di quasi due metri e centoventi chili, riesce a malapena a trattenerla. Incredibile il comportamento di Beyoncé che, immobile, finge che all’interno dell’ascensore non stia succedendo nulla. Tutto questo è successo a New York in occasione dell'evento mondano del Met Ball Gala, manifestazione organizzata dalla famosissima direttrice del magazine glamour 'Vogue America', Anna Wintour, cui hanno partecipato le più rinomate star internazionali.

Dall’imbarazzo all’ilarità alla cortesia fino alla passione e all’ira. Dentro un ascensore si può vivere tutto questo. Prepariamoci, dunque. Ricordandoci sempre che, indipendentemente dai sentimenti e dalle situazioni con cui viene fatto il viaggio tra un piano e l’altro, l’ascensore resta sempre il mezzo di trasporto più sicuro al mondo.

Articolo Precedente Ascensore bloccato: ecco cosa fare
Stampa
140 Valuta questo articolo:
Nessuna valutazione

Il tuo nome
Il tuo indirizzo e-mail
Oggetto
Messaggio:
x



Top